Gli hashtag di aprile

Mail arretrate. Foto arretrate. Commenti arretrati. Messaggi arretrati. Arretrati arretrati. Questa è la situazione al momento. Ma ho deciso di sorriderci su, mettere a scaldare l’acqua del tè e condividere con voi, seppure con qualche giorno di ritardo (ho dimenticato: post arretrati!), le parole magiche che ci faranno compagnia durante il mese di aprile.

#lessenzialevisibilealcuore

Che dire di @segui_le_briciole? Vi ho già parlato di lei in un articolo di gennaio perchè ha vinto il contest #gioiedinatale (a proposito, mentre lo scrivevo mi è venuta un’irrazionale voglia di lucine colorate e biscotti alla cannella 😱). Ma concentriamoci su Clarissa. Ogni cosa che tocca diventa magia. Fa progetti, scrive, sorride, tiene consulenze ma soprattutto: disegna.

La tela sui cui sfoga la sua creatività sono normalissime foto, che trasforma in illustrazioni ad altissima concentrazione di poesia. Anche le didascalie sono curatissime e trasportano con dolcezza chi legge nel sul piccolo, stupendo universo.

La buona notizia è che possiamo fare parte del suo mondo incantato! Come? Taggando le nostre foto con l’hashtag #lessenzialevisibilealcuore (non vi ricorda qualcosa?), dalla cui gallery Clarissa sceglie alcune foto su cui realizzare un’illustrazione.

Questo tag conta già duemila scatti, tutti molto belli (grazie alla grande spinta creativa che questo hashtag porta con sè). Non siete curiosi di scoprire quale incantesimo vedranno gli occhi di Clarissa nella vostra prossima foto?

A questo proposito inizio a spoilerarvi che presto io e Clarissa inizieremo una piccola collaborazione, sulla quale ancora non vi svelo nulla (ma sono emozionatissima!). ❤️

#ilpaesedeiracconti

Continuiamo a parlare di persone che hanno il dono di guardare una foto e vedere una storia. Sì, sto parlando del @signormontamare, un vero cantastorie dei nostri tempi che vive nel piccolo borgo abruzzese di Arsita. Non mostra mai, su Instagram, il suo volto, ma sappiamo con certezza che i suoi occhi sanno cogliere la bellezza dei particolari, i misteri dietro le porte chiuse,  le affascinanti storie degli abitanti del paesino sotto la montagna (così chiama Arsita nei suoi racconti).

Naturalmente il primo desiderio che viene è quello di salire su un treno e andare a osservare di persona il vecchio Luciano, solitario guardiano dei boschi che vive senza gas e elettricità, vegliando su alberi e persone, o Franco, il goloso medico del paese, che riceve in dono dai pazienti tanti salumi e ortaggi che il suo studio sembra un piccolo emporio, o la giovane Nicoletta, che balla dentro casa con la radio accesa e di notte fissa il soffitto aspettando l’alba per versare il tè nella sua tazza azzurra.

La buona notizia (sì, ce n’è una anche qui) è che possiamo respirare l’aria del paesino sotto la montagna anche da casa, taggando le nostre foto #ilpaesedeiracconti. Il signor Montamare (di cui non conosciamo il nome, ma solo le misteriose iniziali: E. F.) sceglierà dalla gallery gli scatti che lo ispireranno di più e li ospiterà sul suo profilo, scrivendo per ciascuno uno dei suoi poetici racconti.

Correte subito a taggare le foto che volete entrino a far parte dello stupendo affresco del paesino sotto la montagna!

#adoremycupofcoffee

Sto cercando di imparare a bere il caffè. Sono anni ormai, che me lo propongo, e sento che questo hashtag potrebbe essere un ottimo incentivo. L’ha inventato una blogger norvegese, @remainsoftheday_, le cui foto bianchissime e eleganti sono perfettamente coordinate con l’atmosfera rarefatta dei fiordi.

L’hashtag #adoremycupofcoffee non è di difficile interpretazione, però mi piace particolarmente perchè la gallery è ricca di foto molto creative e tutt’altro che scontate.

Che usiate la moka, le cialde o la macchina espresso sfoderate gli strumenti del mestiere e iniziate a creare.

#fiorineifiori

Posso ringraziare la mia disorganizzazione perchè il ritardo nella pubblicazione di questo post mi ha permesso di includere questo hashtag, generato dalla cooperazione un po’ improvvisata tra me e @marysol_life (l’idea di base, però, è nata dalla sua testolina geniale). Prima di presentarvelo vi parlo un attimo di lei.

Io non sono appassionata di mamme blogger, forse perchè non ho figli (anche se una parte di me, la più sconsiderata, si lancerebbe nell’impresa di riprodursi anche domani) ma non posso fare a meno di seguire il profilo della meravigliosa Maria Sole. Lei si trova nel luogo perfetto tra cucina, fotografia di ottima qualità e totale e assoluta spontaneità.

E ora veniamo all’hashtag #fiorineifiori. È nato da circa quarantotto ore e piace già tantissimo. Tutto è partito da un post in cui Maria Sole invitava se stessa e gli altri a provare a cambiare prospettiva, mettere in gioco la creatività, scattare foto nuove e diverse dal solito, anche provando a uscire un po’ dalla propria “comfort zone”.

L’idea originale è quella della “foto nella foto”, come le due che vedete dai lati qui sotto, ma ovvio che questo hashtag è un invito a sperimentare e tentare strade nuove e inesplorate!

Con questo è tutto! vi invito come sempre a dirmi cosa ne pensate, qui o su Instagram, e vi chiedo scusa per il ritardo enorme! 🙈 Ricordatevi di usare sempre anche l’hashtag #feliceadesso per condividere le foto con la nostra stupenda community.

Gli hashtag di marzo

Queste ultime settimane di inverno mi stanno mettendo un po’ alla prova, tra situazioni familiari non proprio gioiose, temperature decisamente siberiane e cervello che macina per stare dietro a moltissime nuove idee e progetti. Ma d’altra parte, per citare uno dei miei amati cantautori:

“Tra un bicchiere di neve e un caffè come si deve, questo inverno passerà”.

#underthefloralspell

Vi avevo promesso primavera, e primavera sia! Letteralmente “stregata/o dai fiori” questo hashtag è stato coniato da @flowerona. Se il nome non vi basta a capire con chi avete a che fare, sappiate che sul suo profilo si devinisce “flower writer and photographer”. Questo vuol dire che sì, è possibile dedicare la propria vita a scrivere di fiori e a fotografarli (cambiamo tutti mestiere ora, subito!). Qui qualche foto tratta dal suo profilo:

E qui qualche foto tratta dal tag, per il quale Rona ha creato anche una pagina collegata, sulla quale ripropone i suoi scatti preferiti. Inutile dire che questo hashtag, essendo stato coniato da una fotografa e fiorista inglese, ha un mood rustico veramente molto elegante:

Primo compito per il mese di marzo, quindi, svaligiare la bancarella di fiori più vicina e scatenare la flower photographer che è in voi.

#mybotanicalbath

Lo ammetto, questo hashtag l’ho scelto soprattutto per me stessa. Sono mesi che voglio rifare una foto del genere (la prima è stata questa, che peraltro è stata anche disegnata dal mio talentuoso amico Pietro @maniacodamore) e spero che proporlo come tema per il mese di marzo mi indurrà, una buona volta, a riprovarci.

È stato lanciato da una stupenda artigiana inglese (as usual) che tinge i tessuti con le tinture naturali. Il suo profilo Instagram fa sognare di trasferirsi a Bradford on Avon (non chiedetemi dove sta) e passare le giornate a rimestare calderoni pieni di rosmarino e bucce di cipolla.

Il feed di #mybotanicalbath è altrettanto meraviglioso e ispira un senso di pace senza pari:

Cosa aspettate? Procuratevi dei fiori e correte ad aprire l’acqua. Se non avete una vasca da bagno vi rivelo che possono rivelarsi altrettanto efficaci, perlomeno ai fini della fotografia, un lavandino o una bacinella.

Chissà che immergersi nei fiori non faccia bene anche alla pelle? (alla creatività, certamente sì)

#simplespringcolors

Questo hashtag è legato uno stupendo contest mensile ideato da @countrychicca, instagramer dall’animo rustico e raffinato, dedita alla scrittura a mano e all’uncinetto. È iniziato ormai da una settimana, ma potete assolutamente accodarvi e contribuire ai giorni che restano. L’idea è di fotografare un colore al giorno, dall’1 al 21 marzo, aspettando insieme la primavera.

Nonostante la neve, il gelo ed il freddo artico di questi giorni (😍), l’equinozio di primavera è imminente. Chi mi conosce da più tempo saprà che la stagione in arrivo non è affatto tra le mie preferite. Così, per esorcizzarla e non pensarci, ho pensato di attenderla facendo due cose che mi piacciono molto: 1) guardare belle immagini; 2) fare regali! Allora, ecco qui il CONTEST FOTOGRAFICO DEDICATO AL COUNTDOWN VERSO LA PRIMAVERA! • OGNI GIORNO, dal 1 al 21 marzo (lo so, quest’anno l’equinozio sarà il 20, ma io ho tenuto il calendario tradizionale 😉) IL TEMA SARÀ SCANDITO DA UN COLORE di cui la primavera è portatrice sana! • L’atmosfera dovrà essere quella che già si respira nella “Simple Things Community” del mio hashtag 😊! • Non dovete necessariamente fotografare ciò che la sfumatura vi suggerisce (ad es. per “giallo limone” non dovete per forza fotografare gli agrumi 😉)…avete tutta la libertà di colorare i vostri scatti! • Ogni sera, nelle Stories, vi darò qualche suggerimento fotografico…che presunzione 😂! • Se volete, potrete invitare qualche amica (che sarebbe carino mi seguisse) 😊! • Il 22 marzo annuncerò la foto vincitrice…scelta a mio insindacabile giudizio 😂! Il premio sarà una sorpresa…spero gradita 😊! • Potete utilizzare anche vecchie foto, purché seguano il tema e non siano prese da Pinterest o altro! • Lo hashtag da utilizzare è #simplespringcolors…così potrò vedere tutti vostri scatti insieme 😊! VI ASPETTIAMO EHHH 😉 ••• P.S.: la foto è volutamente stile libro “Cuore” 😂

A post shared by Francesca🍁Calligraphy&Stories (@boscorosso) on

Scorrere la gallery è una assoluta e totale gioia per gli occhi:

Quindi mi raccomando, preparatevi a riempire di colore le due settimane che ancora ci separano dall’equinozio.

#librinimarzolini

Conoscerete già tutti @tegamini, e se non la conoscete dovete recuperare subito. È una blogger che si occupa di libri (ma anche di film, viaggi moda…)  e per quanto mi riguarda è impossibile leggere un suo post senza, nell’ordine: ridere a crepapelle, invidiare la sua smisurata cultura letteraria, desiderare di chiacchierare con lei davanti a un caffè (e io neanche lo bevo, il caffè!).

Ha lanciato per il mese di marzo un contest davvero stupendo, che consiste nel fotografare ogni giorno un libro che ha certe caratteristiche. Io mi sono accorta dell’esistenza di questo challenge quando ho visto spuntare in tutti gli angoli di instagram, il due marzo, libri per bambini con meravigliosi ricordi d’infanzia in allegato.

LIBRINIMARZOLINI.jpg

Già solo dal modo in cui sono declinati i temi del contest potete capire la sua stupenda ironia, ma vi conviene leggere il suo blog perchè vi giuro che ne vale decisamente la pena. E naturalmente vi consiglio di seguirla anche su Instagram per godervi le sue chiacchierate e i suoi consigli di lettura su stories (dopo un po’ vi abituerete al suo stupendo e improbabile lessico e non potrete più farne a meno) e la saga PuPazzi (guardate le stories in evidenza per capire cosa intendo).

Con questo è tutto. Spero che questi hashtag vi abbiano ispirato e aspetto, come sempre, di sapere cosa ne pensate qui o su Instagram. Facciamola arrivare insieme a suon di foto, questa primavera! Ricordatevi di usare sempre anche il tag #feliceadesso, per condividere i vostri scatti con la nostra piccola community.